"...in una 10 km hai tempo solo per la gara, devi stare concentrato sul ritmo e spingere. In una gara come quelle che faccio io devi stare attento ad alcune cose, non perdere la strada o il sentiero, mangiare e bere quando è il momento, guardare dove metti i piedi, ma poi ti avanza ancora tanto tempo e non puoi certo pensare al traguardo (a volte io corro gare da 20-22 ore…) è viene il momento per liberare la mente, guardarsi attorno, sentire se stessi, ripensarsi un po’."
-Marco Olmo-

lunedì 30 gennaio 2012

In giro per il Calisio

Un bel giretto attorno al Calisio a scoprire e percorrere alcune traccie di sentiero non segnate ma ben tracciate tra boschi e prati.

In compagnia di Gian con il quale macineremo tanti chilometri nei prissimi mesi per arrivare insieme alla TCE!

Molto bella in particolare la valletta che si apre tra i km 10,5 e 11,5... bel bosco rado, massi sparsi e un sentiero in veloci saliscendi corribilissimo!


Visualizzazione ingrandita della mappa

venerdì 27 gennaio 2012

Fontane del Calisio

Post con divagazione dal tema!

Raramente corro sullo stesso percorso, cerco sempre di cambiare, di trovare nuovi giri o di reinterpretare quelli già fatti. E' quindi utile sapere se e dove trovare una fontana o se invece portare il camelback.

Ecco una rapida galleria fotografica estiva delle fontane attorno al Calisio.





Montevaccino


Montevaccino


Villamontagna


Villamontagna


Tavernaro


Moià


Maderno

mercoledì 11 gennaio 2012

Maranza - Chegul - Martignano

Percorso di sola andata con partenza dal Rifugio Maranza, passando per la Croce di Chegul ed arrivando a Martignano dal Cimirlo, Oltrecastello, Cognola.

Qui una vecchia mappa.

Percorso innevato/ghiacciato per tutta la parte su sentiero, fino al passo del Cimirlo, assetto da neve quindi con ramponcini e le ghette da trail della Camp. Molto suggestivo e sicuramente divertente :-) anche in considerazione del fatto che ancora non si riesce a mettere le pelli sotto la splitboard per farsi una bella gitarella in montagna!

La forma non è quella di novembre, d'altra parte le feste, le mangiate e gli stop imposti in dicembre lasciano il segno!

Test per la nuova videocamera sportiva trovata sotto l'albero: giocattolo molto molto divertente!!
Test anche per iniziare la preparazione alla TCE: c'è ancora molta strada :-)




martedì 10 gennaio 2012

La Sportiva Quantum

Complice una trasferta lavorativa in valle di Fiemme ho avuto occasione di fare una visita allo spaccio aziendale de "La Sportiva".
Lo shop annesso alla produzione è un vero e proprio negozio dove si trova tutto ma senza sconti di rilievo. Un corner di discrete dimensioni è invece dedicato alle calzature da campionario (solo taglie 42 per l'uomo) e alle "seconde scelte".

Mi sono qundi fatto un regalo:  le mitiche Quantum!

Da tempo osservavo con curiosità la nuova suola introdotta dal La Sportiva per queste scarpe da corsa in montagna. Un profilo e una tecnologia innovativi che meritano di essere testati!

Le prime sensazioni mettendola ai piedi sono buone. Calza bene (come un calzino si direbbe... un pò come con le SpeedCross2) e la conchiglia sul tallone è suficientemente avvolgente da tenere la scarpa ferma senza dover stringere all'eccesso i lacci... un po' meno delle Kalenji ma molto più delle Cascadia. La suola è morbida, ammortizza molto, è davvero confortevole. Temo molto il consumo di questa: si tratta, in breve, di una guaina nera sopra una mescola morbida rossa (nel mio caso). Mi spaventa quindi il possibile consumo e lacerazione della guaina, che, esponendo la mescola interna, causerebbe l'inutilizzabilità ulteriore della scarpa.Vedremo in seguito.

Primi 6 KM!

Testata subito sul misto devo dire che la suola è davvero una ventosa su sterrato, ciottolato, fogliame, sentieri sconnessi. Sensazione mai provata con altre scarpe tassellate. Incollata anche su sassi o radici bagnate e con ogni pendenza. Solo sull'erba bagnata, la tenuta è simile alle tassellate classiche!
La leggerezza e la buona risposta della suola si sentono anche sull'asfalto dove però temo che si acceleri il consumo della "guaina".
Camminando si ha quasi la sensazione che il tallone tiri un pò verso l'esterno, sensazione che scompare nella corsa ma che per me, che solitamente piego all'interno in maniera eccessiva, è quasi un toccasana!
Vediamo come si comporta su tratti più lunghi! Leggendo qua e la alcuni evidenziano problemi di scollamento di suola e schiumato interno... vedremo!!!






martedì 3 gennaio 2012

Corsetta a capodanno

In Friuli per il magnifico Capodanno di Alesso, dopo le abbondanti libagioni ci è scappata pure una corsetta!
In compagnia di Hill e Alf, dopo aver guadagnato un pò di dislivello in macchina, abbiamo ragigunto la sorgente del Riu di Sivil, un affluente del Palar, da dove è possibile bere l'acqua che sgorga direttamente dala roccia, allungando poi fino a dove la forestale inizia a scendere verso gli stavoli di Palar.


Visualizzazione ingrandita della mappa


La valle del Palar dalla sorgente del Riu di Sivil

Bandiera dei coscritti del 1975