"...in una 10 km hai tempo solo per la gara, devi stare concentrato sul ritmo e spingere. In una gara come quelle che faccio io devi stare attento ad alcune cose, non perdere la strada o il sentiero, mangiare e bere quando è il momento, guardare dove metti i piedi, ma poi ti avanza ancora tanto tempo e non puoi certo pensare al traguardo (a volte io corro gare da 20-22 ore…) è viene il momento per liberare la mente, guardarsi attorno, sentire se stessi, ripensarsi un po’."
-Marco Olmo-

domenica 31 luglio 2011

Alesso, Lago dei Tre Comuni

Qualche giorno di vacanza in Friuli, ed ecco realizzato un percorso fino ad oggi immaginato solo sulla mappa.
Partenza dal paese di Alesso, comune di Trasaghis, provincia di Udine.
Dopo un breve avvicinamento si sale lungo quello che, segnato come un sentiero, è in realtà una comoda strada forestale. Solo quando la salita volge al termine il percorso diventa stretto ed a volte solo una traccia tra l'erba. Dall'alto si gode di una fantastica vista sul Lago dei Tre Comuni ed in generale sulla Valle del Lago. Scendendo si incontra un inquietante invaso artificiale, vuoto al momento del mio passaggio, che stona con la natura selvaggia del percorso.
Si scende poi a Somplago tramite una comoda strada asfaltata.
Giro del lago per rientrare, lungo la bella e comoda passeggiata che costeggia lo specchio d'acqua.


Qui la traccia gps del percorso


Qui sotto invece la cartina Tabacco della zona:









La vista sul lago:








Il sentiero con alcuni tratti esposti:








La traccia inizia a stringersi, ma resta sempre evidente:









L'invaso vuoto:








Il bel percorso pedonale lungo il lago:







I dati:
Percorso: Nuovo percorso
Attività: Corsa
URL di Google Maps: http://maps.google.it/?q=http://share.abvio.com/3ee9/bb76/4dc2/1e3b/Runmeter-Run-20110730-1434.kml
URL abbreviata di Google Maps: http://j.mp/qoYHab
URL di importazione: http://share.abvio.com/3ee9/bb76/4dc2/1e3b/Runmeter-Run-20110730-1434.kml
Inizio: 30/lug/2011 14:34:07
Tempo corsa: 1:13:16
Tempo di fermata: 17:22
Distanza: 12,54 km
passo medio: 5:51 / km
Maggiore Passo: 3:43 / km
Salita: 430 metri
Discesa: 351 metri
- Posted using BlogPress from my iPhone

giovedì 28 luglio 2011

Tre cime del Bondone

Bellissimo percorso, abbastanza skyrunning, a toccare le tre cime che fanno da cornice alla piana delle Viote.
In compagnia di un fortissimo Deo si corre la prima parte,pianeggiante, per raggiungere la Costa dei Cavai che sale ripida al Cornetto. Si cammina, aiutati anche dai bastoncini per 650 mt di dislivello prima di toccare la croce di vetta. Dalla cima lo spettacolo è immenso. Fa freddo, indossiamo la ventina e subito giù, in un piccolo canyon per guadagnare il sentiero che correndo in cresta porta ad un salto di roccia da superare con un breve tratto attrezzato. Il Doss d'Abramo è un piccolo altipiano, sembra un enorme masso appoggiato sul crinale, raggiungibile solo superando brevi tratti di roccia verticale. Dopo aver suonato la campana posta nella croce di vetta scendiamo quindi per un altra via sempre assistita da cordini d'acciaio. Il sentiero corre di nuovo lungo la cresta lasciando correre lo sguardo verso il basso sia a destra che a sinistra. Ultima vetta: Cima Verde, ultima foto e poi giù, lungo un sentiero non facile, scivoloso e a tratti ripido fino alla piana delle Viote. Da qui in breve si torna alla macchina passando dalla "terazza delle Stelle"
Bel... proprio bel!


Questo il tracciato gps.


Le tre Cime dalla piana delle Viote.

Gregge di pecore salendo al Cornetto.

Sentiero che sale al Cornetto.

Croce in vetta al Cornetto. Sullo sfondo Cima Verde e Doss d'Abramo.

Croce di vetta del Doss d'Abramo, sullo sfondo Cima Verde.

Doss d'Abramo e campana.

Sentiero verso Cima Verde.

In vetta a Cima Verde, sullo sfondo il Doss d'Abramo e dietro il Cornetto.

lunedì 25 luglio 2011

redazionali... fuori tema!

Corri papo, corri!

Che a scrivere i post sul blog ci penso io... tu sei vecchio per queste cose!



:-)

martedì 19 luglio 2011

Cave di Pila

Un bel giretto che da Martignano gira intorno alle Cave di Pila, prima su strade secondarie asfaltate e poi su sentiero nel bosco.
Nell'ultima parte, quasi in paese a circa 500 metri di quota ho avuto un incredibile incontro ravvicinato con un cucciolo di capriolo... quindici secondi a 4 mtri di distanza... poi giù nel bosco.

Una decina di chilometri e un abbondante paio di centinaia di metri di dislivello.
Qui la traccia.

mercoledì 13 luglio 2011

Ferrata Rio Secco

Niente corsa ma una splendida gitarella serale da farsi con imbrago, caschetto e moschettoni.

Il bello dell'estate è anche questo: uscire dall'ufficio ed in poco tempo essere avvolti dalla montagna in un canyon scavato dall'acqua, per riemergerne e ridiscendere a valle ancora con la luce del giorno.

La ferrata del Rio Secco attraversa un ambiente davvero unico, continui salti di rocca si alternano a piccoli pianori dove nel tempo gli escursionisti hanno creato nei posti più impensati centinaia di "ometti" sovrapponendo tra loro numerosi sassi. Davvero spettacolare.

I passaggi non sono mai impossibili, pur non essendo, in diversi punti, nemmeno banali.




martedì 12 luglio 2011

Cima Calisio

Partendo da Martignano i percorsi che portano alla vetta di questa montagna "cittadina" sono diversi.
Sabato, complice un paio d'ore libere, ho percorso il sentiero denominato "Predamala" fino all'ex rifugio, per poi prendere il sentiero che sale da nord... sperando di trovare un pò di fresco!
Caldo, caldissimo all'inizio... salendo poi l'aria non rinfresca ma si asciuga un pò dall'afa che attanaglia la città, rendendo sopportabile la temperatura.

Dalla cima percorso un pò a sensazione, prendendo qualche traccia di sentiero non "ufficiale" prima di tornare su vie certe nei pressi del rifugio Campel.
Questa la traccia del percorso.
Poco meno di un ora per la cima, un altra oretta per la discesa.
Qui altro percorso più diretto, attraverso la valletta della Polsa ed il sentiero della Val Mistai.



Percorso: Calisio
Attività: Corsa
URL di Google Maps: http://maps.google.it/?q=http://share.abvio.com/3ee9/bb76/4dc2/1e3b/Runmeter-Run-20110709-1603.kml
URL abbreviata di Google Maps: http://j.mp/oTQfiQ

Inizio: 09/lug/2011 16:03:19
Tempo corsa: 1:50:18
Tempo di fermata: 5:56
Distanza: 10,53 km
passo medio: 10:28 / km
Maggiore Passo: 3:36 / km
Salita: 756 metri
Discesa: 756 metri

lunedì 11 luglio 2011

La sfortuna rema contro...

Martedì scorso: tutto pronto per andare a fare un lungo, poi un impegno improvviso in serata, il tempo tra "fine lavoro" e orario di rientro si assotiglia quindi rimando. Ma giovedì mi organizzo e faccio un bel giro!
Giovedì mattina: non posso sapere a che ora finirò di lavorare, quindi metto nello zaino tutto quello che può servire per ogni evenienza. camelbak, borraccia, maglietta leggera, ventina, marsupietto, zainetto, booster... insomma tutto, poi quando sarà l'ora di partire si deciderà cosa portare.
Giovedì sera: finisco tardi, ridimensiono il programma, recupero macchina e necessario per una corsetta non troppo impegnativa, mi cambio, faccio partire il gps, metto le scarpe e.... qualcosa non va!
Ho portato tutto il necessario per corre tre giorni nel deserto pur avendo solo la possibilità di fare una non competitiva da sagra di paese e l'unica cosa che ho dimenticato sono le solette delle scarpe!

A questo punto non resta che tornare a casa, farsi una buona cena e pensare che l'estate è bella e ancora lunga!

lunedì 4 luglio 2011

Lago di Santa Colomba

Il percorso che da Montevaccino arriva a la Lago di Santa Colomba è molto divertente!
Anche relativamente semplice, sono 4 km in andata ed altrettanti al ritorno con un paio di centinaia di metri di dislivello. Primo chilometri in salita, poi sali/scendi fino agli ultimi 500 metri dove si arrampica di nuovo un pochino. Tutto sterrato, largo e corribile. Ben ombreggiato e fresco e sopratutto molto ben segnalato... impossibile sbagliare strada nonostante vi siano numerosi bivi ed alternative percorribili!
Corricchiando si arriva tranquillamente in 30 minuti.
Qui il tracciato!