"...in una 10 km hai tempo solo per la gara, devi stare concentrato sul ritmo e spingere. In una gara come quelle che faccio io devi stare attento ad alcune cose, non perdere la strada o il sentiero, mangiare e bere quando è il momento, guardare dove metti i piedi, ma poi ti avanza ancora tanto tempo e non puoi certo pensare al traguardo (a volte io corro gare da 20-22 ore…) è viene il momento per liberare la mente, guardarsi attorno, sentire se stessi, ripensarsi un po’."
-Marco Olmo-

mercoledì 28 aprile 2010

Divagazioni....

Non sapevo dove andare, non avevo mete precise, solo un pò di voglia di andare!

Così ho sperimentato un paio di sentieri poco noti, e trovato anche un paio di bei posti tranquilli al sole!

Bello andare senza sapere quale strada si scegleirà al prossimo bivio!

Corsetta leggera fino alla cima del Calisio, con qualche divagazione, poi giù prima a nord e poi di nuovo sulla strada de Mez fino al sentiero di Predamala. Inizia a fare davvero Caldo!



Visualizza Divagazione in Calisio in una mappa di dimensioni maggiori

Corno Nero

Dal passo degli Oclini sorgono, come due guardiani, il Corno Nero ed il Corno Bianco. Due cime isolate, caratterizzate dal loro colore determinato dai quarzi porfirici per il primo e dalla dolomia per il secondo, che offrono un punto di osservazione a 360 su Catena del Lagorai, Pale di S. Martino, Pelmo, Latemar e Catinaccio, Cime di Vigo - Catena della Mendola e tutte le montagne che si perdono a vista d'occhio verso nord, Sciliar, la conca di Bolzano col Renon e i Monti Sarentini.
In compagnia di Hillary, armati di raponi e picozze, saliamo dal canalone centrale... giusto per rendere più interessante la gita. Subito iniziamo a sprofondare nella neve abbondante e "maturata" dalla primavera. Si procede a tratti affondando fino alla vita, fino ala croce di vetta a 2450 metri. Poi indossati i ramponi, giù per la ripida dorsale est.

Percorso molto divertente, sopratutto per la tanta neve ancora presente.





Visualizza Corno Nero in una mappa di dimensioni maggiori

giovedì 22 aprile 2010

Gorghe

Bel percorso che da Martignano porta prima a Montevaccino e poi alla baita degli alpini in località Gorghe. Prima parte in salita per guadagnare 450 metri di quota, poi leggera discesa fino all'abitato di Montevaccino. Da qui panoramico e divertente sentiero fino alla casa di Pralungo e poi forestale in sali/scendi fino alle Gorghe.
In compagnia del "sempre in forma" AmeDeo, e dei pollini che iniziano a fluttuare nell'aria!


Visualizza Gorghe in una mappa di dimensioni maggiori

lunedì 19 aprile 2010

Palon

Con le pelli sulla montagna di Trento. Una tranquilla salita lungo le piste da sci, nulla di eccezionale se non per il fatto d'essere al 18 aprile e si parta parta da Vaneze, 1300 msl, con gli sci ai piedi!
Altra nota piacevole la discesa dal "mugon" con neve pesante ma portante, senza sassi affioranti e sopratutto immacolata... lasciare la prima e l'unica traccia è sempre appagante!


Visualizza Palon in una mappa di dimensioni maggiori

lunedì 12 aprile 2010

Santa Colomba

Inizia la bella stagione, le giornate si alungano e la temperatura è piacevole!

Gitarella dunque fino al Lago di S.Colomba.

Da Martignano percorso quasi obbligato fino a Montevaccino, poi strada sterrata fino al biotopo delle grave. Ultima salita in mezzo a poderose radici fino ad arrivare al lago.

Molto bello anche il percorso intorno al lago, disseminato di Cadini e Canope da visitare e da studiare per capire la geografia e la storia del Calisio, o Mons Argentarium.
http://nuke.ecoarge.net/LeAreeTematiche/Leareeestrattive/LArgentoeiCanopi/tabid/96/Default.aspx

Percorso di sola andata... a S.Colomba avevo la macchina che mi aspettava :-)



Visualizza Santa Colomba in una mappa di dimensioni maggiori